Tutto il 2023 dei videogiochi

Siamo arrivati a fine anno, un annata importantissima per il mondo dei videogiochi, riviviamolo insieme punto per punto.

Ci apprestiamo a salutare questo 2023 che tra alti e bassi è stato un anno importantissimo per la storia dei videogiochi. Sicuramente ci aspetta un 2024 ricchissimo di sorprese e titoli incredibili, ma per il momento, accontentiamoci di rivivere insieme il meglio ed il peggio di questo 2023.

Questo è stato il 2023 del videogiocatore

Tra annunci incredibili e delusioni brucianti, questo è un anno che sarà difficile da dimenticare; ognuno di noi porta nel cuore un momento specifico che non dimenticherà mai, ma allo stesso tempo ci sono stati eventi che, forse per fortuna, fatichiamo a ricordare, poichè accadute ancora agli albori dell'anno.

Le più grandi delusioni dell'anno

Bisogna ammettere che, nonostante i grandissimi titoli usciti nel 2023, ci sono state altrettante uscite che hanno deluso il grande pubblico e che meritano assolutamente di essere parte di questo blocco.

 

La prima delusione che voglio inserire è sicuramente Redfall, lo sparatutto in prima persona multiplayer di casa Bethesda...
Sappiamo tutti di cosa è capace questa casa di sviluppo e per chi se lo ricorda, Redfall sarebbe dovuto essere uno dei titoli multiplayer di punta del catalogo Game Pass, invece è sembrato che nessuno si ricordasse della sua esistenza.

 

Questo titolo, che era incentrato interamente su una caccia ai vampiri da giocare in multiplayer con altri 3 amici, alla sua uscita contava un picco di pochissimi giocatori in tutto il mondo, come se nessuno sapesse che il gioco sarebbe stato rilasciato. Infatti la sua vita è stata molto breve, non riuscendo a cavalcare nemmeno il poco hype che l'annuncio aveva generato.

Piccola nota dolente: non è possibile parlare di Starfield in quanto flop, infatti il gioco nonostante le sue tante problematiche e la discutibile non candidatura ai GOTY, ha comunque dimostrato di essere un gioco eccezionale con picchi altissimi di giocatori. Tuttavia per chi si aspettava molto di più questa è stata una delle delusioni più brucianti del 2023.

 

Il problema di Starfield è stato l'hype, era tra i titoli più attesi degli ultimi anni, uno Skyrim nello spazio (infatti in parte lo è stato) ma non abbastanza per entrare nei cuori di tutti e rivoluzionare il concetto di videogioco.

 

Nonostante questo, provate Starfield, giocateci e passateci decine e decine di ore, non ve ne pentirete.

Prima di passare ai due più grandi flop di quest'anno, vorrei parlare brevemente di due giochi che per motivi molto diversi, sono stati dichiarati dalla critica due delusioni, a causa delle alte aspettative che si portavano: Assassin's Creed Mirage e Call Of Duty: Modern Warfare 3.

 

Per COD:MW3 c'è poco da dire, ormai è diventato un meme, "La campagna principale dura solo tre ore". 
Questa sicuramente è una mancanza gravissima per un titolo che tutti aspettavano da tempo, tuttavia il gioco in sè è comunque riuscito a conquistare buona parte del suo pubblico grazie alle sue meccaniche, le sue mappe e soprattutto il suo multiplayer. Peccato davvero per la campagna, che rovina quello che sarebbe stato un titolo molto apprezzato. 

Per quanto riguarda Assassin's Creed Mirage, le critiche principali che sono state mosse riguardano sia il versante tecnico, che mostra troppi bug e problemi di texture, che rovinano la fluidità del titolo, sia dal versante narrativo, infatti la trama è piatta e banale, con una serie di missioni che si susseguono per arrivare alla fine del gioco. 

Siamo arrivati al termine del primo blocco, dove ritroviamo i due titoli che rappresentano il peggio di questo 2023:

 

il primo è ovviamente The Day Before, erano anni che non accadeva una cosa del genere, è sicuramente uno dei lanci più disastrosi della storia dei videogiochi. 

 

Dopo essere stato rimandato per ben 2 volte, The Day Before si è mostrato per quello che possiamo tranquillamente definire come "pubblicità ingannevole" per essere gentili; il gioco era totalmente diverso da quello che trailer ed immagini avevano mostrato per mesi, server terribili e mancanza di trama o anche semplicemente di un gameplay.

 

Ciliegina sulla torta? Dopo neanche un paio di settimane i server sono stati bloccati e successivamente il titolo è stato rimosso dal catalogo di Steam.

Ma il videogioco peggiore dell'anno se lo aggiudica a mani basse: The Lord of the Ring: Gollum.
Molti si erano dimenticati di questo titolo, tanto che è stato deludente e brutto da giocare. Un gioco narrativo senza narrazione, con elementi stealth che non erano stealth e assolutamente nessuna personalità, nonostante il protagonista fosse uno dei più carismatici dell'intera saga.

I titoli che ci hanno fatto innamorare

Passate le delusioni, ci sono stati altrettanti giochi che meritano di essere ricordati, ma questa volta eviteremo i titoli che tutti si aspettano, ovvero:
Baldur's Gate 3, Super Mario Bros. Wonder, The Legend of Zelda TOTK, Spider-Man 2 ed Alan Wake 2, che ovviamente sono i titoli più apprezzati di quest'anno e meritano di essere celebrati, ma si è già parlato abbastanza di loro e penso sia giusto puntare i riflettori, per una volta su altri titoli stupendi.

 

Tra i titoli più belli dell'anno c'è Hi-Fi Rush. Musica, colori, combo incredibili... non riesco a capire come questo gioco non sia stato candidato al titolo di GOTY. In ogni caso, Hi-Fi Rush è un videogioco musicale single player di casa Bethesda, che ci trasporta in un'avventura a ritmo di musica; l'intero gameplay, con le sue musiche, la sua grafica ed ogni suo più piccolo dettaglio rende questo titolo un'esperienza incredibilmente appagante.

Hogwarts Legacy merita di essere inserito qui. Il videogioco ambientato nel mondo magico del mago più famoso della storia contemporanea ha riscosso un successo incredibile: il castello di Hogwarts è stato realizzato con una cura maniacale in ogni più piccolo dettaglio, non c'è un singolo metro che non nasconda un segreto o una divertentissima storia da scoprire.

 

Sul versante narrativo, si tratta di una storia inedita che è riuscita a convincere tutti, dal fan più ossessionato dai libri, al videogiocatore casual che vuole solo lanciare incantesimi; a proposito di incantesimi, il gameplay è molto semplice ed intuitivo, ma non per questo noioso, anzi, i combattimenti sono incredibili e la difficoltà elevata del titolo li rende ancora più appaganti.

 

Non è necessario essere fan di Harry Potter per apprezzare Hogwarts Legacy, ma allo stesso tempo, questo gioco è il più grande regalo che si potesse fare ad una delle più grandi fanbase al mondo.

Sono moltissimi i giochi usciti quest'anno di cui non ho parlato in maniera approfondita, per nominarne solo qualcuno

  • Lies of P
  • Pikmin 4
  • Sea of Star
  • Wo Long
  • Diablo 4

e ce ne sarebbero tanti altri di cui potrei parlare per ore ed ore.

 

Questo è perchè abbiamo vissuto un'annata incredibile per i videogiochi, nonostante molti alti e bassi, siamo sicuri che anche il 2024 riuscirà a regalarci gioie e dolori e tra un anno saremo qui, insieme a pensare "che grande annata che è stata"!

Consigliati