God Of War Ragnarok: Un regalo molto gradito

Era un bel po' che si vociferava di un possibile Dlc per l'ultima opera della serie God Of War e finalmente arriva il dlc gratuito Valhalla

Durante la premiazione dei The Game Awards, è stato confermato l'arrivo del nuovo attesissimo dlc dell'ultima straordinaria opera della saga God Of War, come se la sarà cavata, scopriamolo assieme nella recensione testuale

Epilogo

Sembra strano da dire ma bisogna partire dalla parola epilogo per parlare di Valhalla, infatti il dlc rilasciato GRATUITAMENTE, sembra voler porre la parola fine sulle avventure di Kratos, il generale Spartano che guidò il più potente essercito che la Grecia avesse mai visto, dopo aver sconfitto gli dei del Pantheon Greco e ritiratosi nelle gelide terre norrene non riuscì comunque più a trovare la pace.

 

Ricordiamo che il suo soprannome "Il Fantasma di Sparta" gli venne affibbiato, dopo che uccise sua moglie e sua figlia in un attacco d'ira all'interno di un tempio dedicato alla Dea Atena la quale lo punì trasportando all'interno del tempio proprio la sua consorte e la sua piccola figlia, costringendolo a vagare per l'eternità con addosso le ceneri di sua figlia e sua moglie dandogli dunque quel colorito bianco tipico del protagonista della saga di Santa Monica.

 

Fatto questo preambolo sulle vicende, il gioco ripartirà dalla fine canonica di God of War Ragnarok, Mimir ci porterà ad approcciarci al Valhalla per interfacciarci con individuo che aveva un debito con lui. Il pretesto narrativo utilizzato dagli sviluppatori per creare il mondo ultra terreno della mitologia norrena è sorprendente, di fatti l'aspetto, le creature ed il cammino che il nostro personaggio farà sarà creato dall'immaginazione di Kratos, poichè assume le sembianze delle memorie di colui che l'attraversa.

 

Non fatevi ingannare Santa Monica, non ha avviato un operazione nostalgia com'è stato fatto da altri titoli di recente, lo scopo di rivivere alcuni momenti del passato, ri utilizzare alcune armi dei precedenti capitoli, dando il giusto tributo alla trilogia originale, non diventa mai assordante nella narrazione di God of War Ragnarok, anzi permetterà al giocatore di immedesimarsi di più nel percorso di redenzione che sta affrontando il nostro protagonista. 

 

La presenza di vecchi amici come Frya e le altre valchirie riporteranno alla memoria subito gli avvenimenti del gioco uscito ormai più di un anno fa, una delle cose che sicuramente sta caratterizzando le ore post rilascio di questo dlc gratuito è la durata, infatti si parla di circa 5 ore e ciò ha subito scatenato l'ironia dei social nei confronti della campagna di Modern warfare 3.

Gameplay per chi cerca una sfida

La dinamica da roguelite, leggermente più semplificata dei famosissimi roguelike, presente in questo Dlc ci metterà di fronte a diversi scenari in cui le ambientazioni funzioneranno da arene, in cui ci troveremo ad affrontare nemici provenienti da ogni capitolo passato, che permetterà ai più appassionati della saga di vivere un esperienza a 360 gradi nel mondo del fantasma di Sparta, portanto il gameplay ad un livello più alto in termini di sfida ed anche di divertimento.

 

Dopo l'introduzione di Sigrun, ci troveremo catapultati nel mondo che verrà plasmato attraverso i ricordi del protagonista, non a caso passeremo dai 9 regni fino alle ambientazioni dell'antica Grecia, con nemici via via sempre più forti e caratteristici. La morte vi ricondurrà alla spiaggia nera dove ci troveremo nella vera e propria hub di gioco di questo dlc.

 

L'idea alla base del Dlc di God of War Ragnarok Valhalla è quella di creare una esperienza di gioco quasi del tutto autosufficiente ed autentica, con dinamiche che richiameranno notevolmente altri capistipiti del genere come sopra citato, ma vi possiamo assicurare che la scelta della generazione procedurale delle stanze e di alcune situazioni ci hanno davvero tenuto incollati al gioco.

 

Come ci si poteva aspettare in termini narrativi, la scalata del valhalla ci farà fare il cammino dell'eroe come nelle migliori scelte letterarie con i primi mondi da esplorare, più affini ai 9 regni e man mano che saliremo verso l'alto verso la redenzione vera e propria torneremo la dove il nostro protagonista si è macchiato di gravissimi peccati e di orribili crimini.

 

Per farlo però dovrà ricorrere al nuovo sistema di progressione con l'acquisto di potenziamenti permanenti per armi e l'armatura che ci permetteranno di andare ad aumentare la rabbia, la salute, la forza e la difesa. In oltre non dovremo dimenticarci dei glifi, sistema che permetterà di dare effetti unici alle nostre armi e non solo.

 

L'animo roguelite

Se tutta questa nuova serie di meccaniche e introduzioni in termini di gameplay non fossero già sufficienti, i ragazzi di Santa Monica hanno pensato anche di sfruttare ancora di più la gestione semi procedurale del Valhalla, creando alcune situazioni in cui determinate versioni di nemici andranno a fornirci loot unico.

 

Plauso va fatto anche per la diversificazione dei livelli e dei boss, non siamo mai riusciti a ritrovare due volte lo stesso boss, sognando un pochino quanto fatto con i vecchi demoni della forgia di Dark Souls o per quanto visto nella sezione dei Calici di Blood borne, per quanto riguarda le differenze per i singoli livelli,  seppur minima la variazione c'era ed in alcuni casi era quasi totale andando ad evitare quel senso di loop che spesso porta alla noia giochi di questo tipo.

 

La difficoltà nell'affrontare nemici, già molto noti ai fan di lunga data, è evidente con la volontà del team di sviluppo di creare una sfida unica e cercando di metterci a dura prova per superare le fasi di gioco anche la dove torneranno a farci visita come detto avversari ben conosciuti e già affrontati.

 

Un Dlc per due

Ci prendiamo la libertà di usare la citazione al film, che più comunemente viene accostato al natale, per dirvi che God of War Ragnarok Valhalla è un'esperienza da vivere, non solo se lo scorso natale avete intrapreso il percorso del fantasma di Sparta, grazie alla ps5 in bundle con il gioco ricevuta per natale, ma anche per chi iniziò a giocare a questa saga dalla prima versione datata ormai 2005.

 

Il fattore Gratis gioca sicuramente a suo favore, ma vi possiamo dire che di questi tempi quest'esperienza sarebbe anche valsa un biglietto non da poco, che voi stiate cercando ore di divertimento a massacrare nemici in cerca degli oggetti estetici più interessanti o siate alla ricerca di novità in termini di trama, questo dlc va giocato. 

Consigliati