Elezioni europee, l’importanza del voto e come prepararsi con i videogiochi

Le due giornate dedicate al voto per rinnovare il Parlamento Europeo si avvicinano, ecco come la politica entra nei videogiochi

elezioni-europee-l-importanza-del-voto-e-come-prepararsi-con-i-videogiochi-main
CREDITI: Dreamstime

L’ 8 e il 9 giugno saranno i giorni i cui noi cittadini saremo chiamati alle urne per rinnovare il Parlamento Europeo, il principale organi legislativo dell’Unione Europea. Saranno due giornate importanti in cui ogni voto farà la differenza ma, 8 e 9 giugno sono anche il culmine di mesi di campagne elettorali che hanno dato il via libera alla creatività dei politici in campo. 

 

Manifesti elettorali nei videogiochi

In campagna elettorale ne abbiamo viste di tutti i colori inclusi i videogiochi. La ragione è molto semplice e non dovrebbe sorprendervi, le fasce più giovani degli aventi diritto al voto sono anche quelle che meno partecipano alla vita politica del nostro Paese, soprattutto quando si tratta di recarsi alle urne per esprimere la propria preferenza. Ecco perché alcuni politici scelgono, come mezzo di propaganda, anche i videogiochi. Un candidato ha lanciato per la sua campagna il videogioco “Missione Europa” che è ispirato alla avventure di Super Mario
 

Oltre oceano è toccato invece al Presidente Joe Biden e prima di lui a Barack Obama puntare sui videogiochi per raggiungere i più giovani. Nello specifico, il Presidente in carica Biden aveva diffuso nel 2020 dei manifesti elettorali all’interno di Animal Crossing: New Horizon, scannerizzando un QR code era infatti possibile scaricare i manifesti con i simboli principali della sua campagna elettorale. A inaugurare la tendenza era stato però Barack Obama che aveva investito su alcuni titoli all’interno dei quali aveva fatto inserire i suoi manifesti elettorali. Questa tendenza ha, nel tempo, conquistato anche un suo nome proprio: si chiama Political in game advertising che ha dato vita ad una serie di videogame dedicati alla politica e alle campagne elettorali.

 

La campagna elettorale è un gioco da ragazzi, o forse no

Una campagna elettorale senza esclusione di colpi, è quello a cui assistiamo ogni volta che i cittadini sono chiamati a votare e, i politici, a fare quanto più possibile per indirizzare il voto in loro favore. Ma se vi dicessimo che c’è un modo per riconoscere anche la propaganda più estrema e smascherare le false promesse? Ebbene sì e, per farlo, vi basterà giocare ad alcuni videogiochi.  Il primo fra questi è Final Candidation degli sviluppatori di Santa Ragione, il videogame in cui la campagna elettorale si fa davvero senza esclusione di colpi, anzi, più sarà estrema, più risulterà divertente. L’obiettivo sarà portare il vostro candidato direttamente a Palazzo Chigi:

 

“Il risultato finale sarà figlio della vostra competenza politica, della vostra dilettantesca dabbenaggine, della vostra perversa crudeltà: i vostri beniamini saliranno a Palazzo Chigi, oppure masticheranno la polvere della sconfitta, e peggio ancora si vedranno passar davanti colleghi e amici (amici?) della loro stessa coalizione vincente”.

 

Dall’Università La Sapienza di Roma arriva invece Game of Votes, il videogioco dove sarà possibile creare il proprio partito politico, con tanto di slogan, dibattiti e coalizioni il cui obiettivo è proprio quello di aggiudicarsi la vittoria in campagna elettorale.

 

“Il giocatore simula una vita politica e viene catapultato nel ruolo del leader di un partito, durante tutto il periodo di campagna elettorale. Il target di riferimento di questa gamification è molto ampio, possono partecipare adulti già elettori per divertimento, ma anche giovani under 18 che tramite il gioco iniziano ad approcciarsi al tema e a formarsi, prima di diventare futuro elettorato e potenziali politici. Dal punto di vista tecnico, l’ambiente usato per la realizzazione di questo progetto, è quello di Unity 3D, con un motore grafico per sviluppo di giochi in 3D e 2D mobile. C’è un server che gestisce gli account e le partite on line, infine un cms per l’aggiornamento degli eventi in game, basati su avvenimenti reali. Il gioco è pensato per device mobili, come smartphone e tablet e in ambienti Android e iOS”.

 

Elezioni europee, quando e come si vota

Come vi abbiamo già detto, le due giornate destinate alle votazioni saranno quelle dell’8 e 9 giugno 2024. L’obiettivo è quello di eleggere, per l’Italia, i 76 europarlamentari che prenderanno parte alle attività del nuovo Parlamento Europeo. Ricordate di portare con voi documento di riconoscimento e tessera elettorale, le schede saranno divise per circoscrizione (nordoccidentale, nordorientale, centrale, meridionale e insulare) e per votare, vi basterà mettere una X sul simbolo della lista che intendete votare ed esprimere la vostra preferenza (fino a un massimo di tre) scrivendo il nome dei candidati. Ricordate che in caso di più di una preferenza, bisognerà scegliere sia tra candidati di sesso maschile che femminile, non è infatti possibile esprimere preferenze tra soli uomini o tra sole donne, tutti i candidati indicati dovranno inoltre appartenere alla stessa lista. Sabato 8 giugno si voterà dalle 15 alle 23, domenica 9 invece dalle 7 alle 23. 

View post on X
View post on X

Consigliati