Street Fighter: il live action del videogioco resta senza registi

Danny e Michael Philippou, registi dell’acclamato horror 'Talk To Me', abbandonano il progetto. Che cos'è andato storto?

street-fighter-il-live-action-del-videogioco-resta-senza-registi-main

Poco più di un anno fa, Legendary annunciava di aver finalmente acquisito i diritti per adattare la serie di giochi di combattimento di Capcom, Street Fighter, tanto amata dai fan. A quel punto, anche i registi dell’acclamato horror 'Talk To Me', Danny e Michael Philippou, avevano firmato per dirigere il film. Tuttavia, i piani sarebbero cambiati e i fratelli Philippou non dirigeranno più il live action di Street Fighter. Che cos’è successo?

Perché i registi hanno abbandonato il live action di Street Fighter?

L'uscita del duo arriva poco più di un anno dopo l'annuncio che vedeva i gemelli al timone dell'adattamento. Era l'aprile del 2023, infatti, quando si era diffusa la notizia che Danny e Michael Philippou erano in trattative con Legendary. Pur essendo relativamente nuovi alla scena cinematografica, i due gemelli si sono fatti conoscere per il loro canale YouTube, che proponeva un mix eclettico di contenuti horror e comici. Da questa fama hanno tratto il loro primo lungometraggio horror, Talk to Me, distribuito da A24 con successo di critica e pubblico.

 

View post on X
View post on X

 

Secondo The Hollywood Reporter, uno dei motivi principali per cui Danny e Michael Philippou sono usciti dal progetto è che Legendary e Capcom vogliono iniziare la produzione prima di quanto i fratelli non siano disposti a fare. Questi ultimi, infatti, hanno già in cantiere il loro prossimo film, Bring Her Back, con Sally Hawkins e Billy Barratt nei ruoli principali - la cui produzione inizierà alla fine del mese

 

View post on X
View post on X

 

Non è chiaro a che punto fosse la sceneggiatura di Street Fighter, ma Legendary sta già cercando un nuovo regista. La serie di picchiaduro è nata in sala giochi con l'originale Street Fighter nel 1987, tuttavia, i titoli sono presto diventati un fenomeno mondiale solo nel 1991, quando Street Fighter II è diventato un successo di massa nelle sale giochi e successivamente sulle console. Nei decenni successivi sono stati realizzati diversi sequel e spin-off. di cui Street Fighter 6 è il più recente.

In cantiere ci sarebbero diversi progetti su Street Fighter

La proposta di un film su Street Fighter è solo uno dei numerosi progetti in cantiere. Questo perché, come detto, Legendary ha acquisito i diritti cinematografici e televisivi dell'iconica serie di giochi di combattimento nel 2023 e ha ancora tutta l'intenzione di far fruttare il franchise. Di fatti, il film è stato solo il primo progetto annunciato, ma ci sarebbero molti più adattamenti in programma

 

View post on X
View post on X

 

Non a caso, Street Fighter ha alle spalle una lunga storia multimediale. Basti pensare che è stato uno dei primi videogiochi a ricevere un adattamento importante, nel 1994, con un film interpretato da Jean-Claude Van Damme. In seguito Street Fighter è stato anche il fulcro di film d'animazione, manga e fumetti. Anche se i suoi sforzi multimediali hanno avuto un successo decisamente variabile, resta comunque il fatto che Street Fighter abbia una lunga (e duratura) storia di espansione al di là del regno dei videogiochi. Pertanto, non dovrebbe quindi difficile trovare un sostituto alla regia.

Consigliati