LEC: si conclude la seconda giornata

Seconda giornata di LEC in archivio. Scopriamo insieme come sono andate le 10 squadre della massima serie europea

Anche la seconda giornata di Regular season va in archivio. Il percorso di questa regular season ci porta subito ad affrontare una super week, ed arrivati a 2 su 3 match settimanali, sai che le energie potrebbero aver toccato la riserva. Andiamo a vedere nel dettaglio come sono andati i 5 matchup di questa giornata di LEC.

Mad Lions Koi - Sk gaming

Al primo grande match in LEC per Nisqy è subito contro la sua vecchia squadra, dovendo cercare di ripetere quanto fatto nella giornata precedente contro dei RGE a pezzi. Per i Mad Lions gli Sk sono il primo ostacolo importante da affrontare dopo la scarna resistenza degli Heretics.
 

Le due draft sono molto interessanti partendo dai ban dei Mad: Jax. Nocturne, Maokai, ai quali rispondo gli SK con: Rumble, LeBlanc. Il B1 è uno Xin Zhao per Elyoya ( al suo secondo pick consecutivo), al quale rispondo gli Sk con Kalista Renata R1-2, i Mad optano anche loro per scoprire le carte in bot lane con Lucian-Milo B2-3, lasciando in R3 Rell per la giungla di Isma. I ban degli Sk continuano con Gwen, Neeko, permettendo ai Mad di optare per il ban di Aatrox e Azir. R4 Akali, al quale i Mad cercano di mettere una toppa con B4-5 Poppy Gragas, lasciando aperto in R5 il Renekton di Irrilevant.


La partita riveste un'importanza cruciale per entrambe le squadre, e fin dai primi istanti emerge l'importanza della scelta di un playmaker per Isma. La prima azione del game porta il suo nome, con un avvicinamento al livello 3 sulla bot lane dei Mad, che si traduce in due uccisioni, lasciando una sola kill a Supa e al suo Lucian. Isma, purtroppo, ha la sfortuna di non riuscire a partecipare all'uccisione di Lucian, altrimenti Renata sarebbe riuscita a mantenerlo in vita.
 

Il controllo sulla giungla neutrale diventa una prerogativa per gli Sk, che gestiscono saggiamente gli obiettivi, sfruttando efficacemente l'R5 di Renekton per creare una forte presenza sulla mappa. Tuttavia, emerge una sensazione comune negli occhi degli spettatori: il team dei Mad, nei combattimenti, fatica a rispondere ai danni inflitti da Nisqy ed Exakick. La differenza è accentuata da un Gragas che sembra mai davvero entrare in partita. Gli Sk, con due Baroni e tre draghi, chiudono la partita senza troppe difficoltà, con Irrelvant e Isma a proteggere Exakick, libero di scaricare il suo DPS.

GiantX - BDS

La sconfitta contro i G2 pesa per i BDS; autori di una buona prestazione contro i campioni in carica e che cercano il modo di rialzare fin da subito la testa, contro dei GiantX che nella giornata precedente hanno dimostrato di aver scelto bene il proprio support, ma di avere ancora alcune lacune da colmare sotto l'aspetto di coesione di team.
 

I GiantX passando in Blue side optano per aprire i ban con: Nocturne, Vi Poppy al quale rispondo i BDS con il ban di: Draven, LeBlanc, Rumble. I primi tre pick in ordine per i blue side sono Kalista, Lee Sin e Neeko, al quale i BDS contrappongono i pick di: Ashe, Graves e Varus. La seconda fase di ban mostra dei BDS, rispettosi di IgNar e optano per due ban importanti per lui: Blitzcrank e Nautilus, i Giantx non sono da meno e cercano di rispettare Adam e i suoi pick più forti in Top optando per l'eliminazione di Olaf e Darius. I GiantX concludono con Rell K'sante la propria draft, mentre i BDS optano per Orianna Garen.
 

Il match appare molto equilibrato sin dall'inizio: l'obiettivo iniziale dei BDS è rallentare il pathing di giungla di Lee Sin, risultato ottenuto con successo grazie all'invade che garantisce loro il primo sangue e il primo buff rubato. Ciò consente a Sheo di controllare i primi obiettivi neutrali, come le larve del vuoto e il primo drago.
 

Tuttavia, emergono difficoltà per la Bot lane dei BDS. Rell e Kalista lavorano efficacemente nei primi scontri e, soprattutto in lane, riescono a inizializzare i loro avversari ogni volta che hanno i cooldown adeguati. Il momento decisivo giunge al 35° minuto quando Adam esegue un inserimento strategico nella backline dei GiantX, impegnati nel secondo Baron, e ottiene il kill su Kalista, eliminandola dall'equazione. Ciò consente al team di conquistare la mano del barone e, con tutti i membri pronti, di puntare al nexus avversario.

G2 - Karmine Corp

Per i G2, l'obiettivo rimane invariato, indipendentemente dall'avversario: vincere senza mezzi termini. Entrambe le squadre hanno l'intenzione di migliorare le proprie prestazioni, ma i Karmine Corp desiderano anche ottenere la loro prima vittoria contro le principali squadre europee e dimostrare di poter competere fin da subito.
 

Come per i Giantx anche per i G2 oggi si passa al Blue side, aprono i ban in maniera simile a quanto fatto dai Giantx: Renata, Ashe e Nocturne, dal lato rosso invece si opta per le rimozioni di: Draven, Kalista, Rumble. I primi 3 pick per la squadre dei G2 in ordine sono: Aphelios, Nautilus e Leblanc, i Karmine Corp rispondo invece con: Lucian, Milo e Neeko. Per facilitare la vita a Broken Blade si opta per il ban di: Jayce, Jax, mentre i KC sembrano voler pensare più alla giungla eliminando Bel'veth e Poppy dall'equazione. Le due Draft si chiudono con i G2, che optano per Kennen e Viego, mentre i KC scelgono Malphite e Vi.

L'early game parte forte per i Karmine Corp, che cercano e trovano vantaggio sulla propria bot con costanti gank di Vi, il problema però arriva quando Yike dopo aver punito Malphite, si affaccia in bot e con l'aiuto di Hansama e Miky conquista 3 kill  e favorendone un'altra su Aphelios. La partita sembra raccontare ancora un po' di ruggine sui G2, nel positioning dei fight e nel focus sul singolo bersaglio, creando così spazio per i KC di boccheggiare. I G2 pressano forte e l'incredibile fase di splitpush, pone un'enorme spada di Damocle su ogni loro movimento al di fuori della propria base, con il nexus scoperto. Proprio su engage azzardato da parte di Vi su Miky, parte l'ultima azione con Lucian ocstretto al cleance grazie al gravitum di Aphelios, subito punito da un Miky dominante sul suo Nautilus e tutto ciò permette un inseguimento su 3 KC e lasciando solo Saken a dover affrontare un Broken Blade troppo imponente sulle side lane.

Fnatic - Vitality

I Fnatic si trovano costretti a fare risultato per evitare di perdere il treno con il nome dei G2 ed Sk, mentre i Vitality sono chiamati a rialzare la testa dopo diverse stagioni ormai troppo deludenti per i francesi, che necessitano di schiodarsi dal fondo della classifica.
 

I Fnatic decidono di non andare per il sottile, decidendo di optare come primo trittico di ban per: Nocturne, LeBlanc Ashe, mentre i Vitality rispondono presenti con Rumble, Kindred e Caitlyn. Le draft rivelano invece che: i Fnatic puntano su Varus, Renata e Azir, mentre i Vitality provano a prendersi Xin Zhao, Lucian e Nami. La seconda fase di ban vede i Fnatic puntare sulla rimozione di Orianna e Gragas, mentre per i Vitality invece fuori Vi e Jarvan. Gli stessi Fnatic puntano su K'sante e Poppy per chiudere la propria Draft, mentre i Vitality chiudono con Jax e Xerath.

 

Nonostante un buon lavoro di counter jungling da parte di Daglas, i ragazzi dei Fnatic mantengono sempre il pallino del gioco in mano. Humanoid lavora benissimo con il suo Azir e la presenza della coppia K'sante, Poppy fa si che sia impossibile arrivare su una back lane libera di fare dps e impedendo di fatto a Xin Zhao e a Jax di arrivarci. I Fnatic non usufruiscono nemmeno della mano del barone e chiudono il game dopo aver abbattuto i 3 inibitori e scortato i super minion in base.

Rogue - Team Heretics

Le squadre nettamente più deluse della prima giornata cercano di rifarsi, da un lato i Rogue che hanno sempre l'etichetta di essere una squadra che deve lottare per il vertice ed il titolo, dall'altra degli Heretics in grado di fare poco e niente contro i Mad Lions Koi concedendo tantissimo ai propri avversari.
 

I Rogue aprono le danze con i ban di: Milo, Rumble e Gragas, mentre il Team Heretics risponde con: Leblanc, Caitlyn e Renata Glasc, andando così a favorire Azir Kalista Rell per i Rogue, a cui si contrappongo Xin Zhao, Varus e Akali aprendo la pista ai ban della seconda rotazione con Heimerdinger Nautilus per i Rogue a risposta del ban di Gwen e Jax. Wunder senza troppa attesa lock K'sante e arriva anche Bard per chiudere la pratica con i Rogue su Aatrox Maokai.
 

Il game parte nettamente sottotono, le due squadre si studiano e danno il via a qualche schermaglia sterile che porta ad ottenere solo 2 kill a favore del Team Heretics in 20 minuti, nulla più, gli Heretics controllano l'economia del game attraverso la distruzione delle strutture esterne e la costruzione di piccoli fight che garantiscono pressione. Il team spagnolo sfrutta a menadito la prima mano del barone per ottenere un vantaggio di 10 000 unità d'oro. In 31 minuti la morsa si stringe attorno al collo dei Rogue e non c'è più niente da fare, non vedremo mai purtroppo una scorta imperiale sulla back lane avversaria e Flakked rimarrà libero di fare tutto il suo dps libero, con 12 000 unità d'oro di vantaggio il Team Heretics conquista la vittoria.

Consigliati