LEC: Fnatic e Mad Lions avanzano

Continua il percorso in LEC delle migliori squadre europee, nella notte si è giocato un altro turno dei playoffs e finalmente abbiamo le 4 migliori squadre

Continuano i playoffs di LEC, massima competizione europea per il mondo di League of Legends, nella serata di lunedì si sono disputati diversi match valevoli per il looser bracket, con diversi giocatori e team importanti che hanno dovuto salutare. ecco come sono andati.

SK vs Fnatic

SK vs Fnatic, non è solo terzo seed contro quinto, non è solo Humanoid contro Nisqy è uno scontro generazionale per imporsi come rivelazione del torneo per gli SK che potrebbero completare il proprio cammino dopo una prima parte di stagione interessante, i playoffs devono raccontarci se sono fumo o se sono arrosto. Per i Fnatic la questione è completamente diversa, si parla di orgoglio arancio nero e di volontà di tornar grandi il prima possibile. La Bo3 sancirà l'uscita di una delle due grandi organizzazioni.
 

Game 1: pronti via, alla prima cannon wave bot Razork arrivare per divare la duo lane degli Sk, primo sangue e due uccisioni ripartite tra Razork e Noah, con la dipartita di Jun che per lo meno concede l'uccisione a Doss e non ad Exakick. Per quanto arrivi il pareggio delle kill sullo scambio al primo drago, pochi minuti dopo si ripete il dive sulla duo lane degli Sk e per quanto Isma fosse in posizione per il counter gank, l'arrivo di Hwei dalla mid permette di capitalizzare il commit con 2 uccisioni. Le due morti di Oscarinin riportano nuovamente il match in parità. Gli Sk dimostrano di saper controllare il game e sfruttano la debolezza di Oscarinin per porre altre risorse nelle tasche del team, arrivando così al fight per il primo drago elementale in cui riusciranno a conquistare obiettivo neutrale e 2 uccisioni senza perdere membri della squadra. Al minuto 27, gli Sk dimostrano ancora di saper amministrare il game riuscendo a prendersi il primo barone e uccidendo 4 avversari. Al minuto 33 la situazione è ancora bloccata pur con i Fnatic in possesso dell'anima oceanica e con il barone rubato sotto il naso di Isma. Ci vorrà il quarto barone del game e il secondo drago maggiore per permettere agli Sk la chiusura al minuto 42. 1-0 Sk

Game 2: il match inizia più lentamente e l'aver messo nella mani di Humanoid un campione come Karma, con Ashe support permette quanto meno al team di avere ottimi cc per le chiusure soprattutto mid su Nisqy ed il suo Azir. Nei primi 20 minuti di partita, nuovamente si sente l'assenza di Isma che lascia a Razork il controllo degli obiettivi, con i Fnatic a soul point al minuto 19.  L'anima viene conquistata al minuto 23 con Isma ancora una volta outsmitato da Razork. Conquistata anche la mano del barone il team dei Fnatic decide di applicare una forte pressione sulla Midlane con il team degli Sk che cerca un engage per difendere la propria base, ma la differenza di range aiuta benissimo i Fnatic ad uscire dalla trappola e portandosi a casa le fonti primarie di Dps conclude il match grazie all'ondata potenziata al minuto 26. 1-1 Fnatic
 

Game 3: la partenza ricalca quanto visto in game 1, ma a parti invertite, l'aggressione da parte del team degli Sk che coadiuvando meglio le proprie azioni con Isma riesce a guadagnare 3 kill nei primi 6 minuti. Nei successivi 3 ottengono la bellezza di 4 kill ed un altro cash in per Draven, portando il team degli Sk ad avere un vantaggio di 2 mila trecento unità d'oro. Al minuto 12 arriva addirittura il primo ace della partita in favore degli Sk, i quali consegneranno 3 kill nelle mani di Irrelevant e concedendo solo la vita di Nisqy. In 22 minuti avremo già 27 uccisioni ed una mano del barone con i due team che non si stanno risparmiando su nulla, al minuto 25 arriva il secondo ace per gli Sk e tutto sembra ormai definito i Fnatic sembrano ad un passo dal baratro. Il primo fight vinto da parte del team dei Fnatic coincide con il momento in cui gli SK scivolano e per quanto Nisqy provi la grande giocata con il suo Twisted Fate ad entrare nella base avversaria le due torri del nexus vanno giù ma il game resta più aperto di pima. Sul fight decisivo attorno al drago maggiore il primo Ace del team Fnatic permette di ottenere il vantaggio per tirare dritto Bot e andare a prendersi la vittoria in un game serratissimo. 2-1 Fnatic.

 

Mad Lions Koi vs Vitality

I Mad Lions continuano a cercare la strada degli under dogs dopo aver superato i GiantX oggi arrivano i Vitality forti di volersi riprendere dopo la brutta batosta subita contro il team dei BDS con cui hanno i conti ancora aperti. Ecco com'è andata la loro Best of 3.
 

Game 1: il match parte con qualcosa di insolito Hylissang decide di optare per Sett support, una scelta molto contro tendenza mentre Myrwin opta per il Twisted Fate top che abbiamo già visto ma che ci sorprende sempre. Elyoya muore tempo 53 secondi top in seguito ad una giocata troppo azzardata per un possibile late invade. Nonostante ciò Elyoya con due gank fa percepire quello che sarà il canovaccio della gara 2 gank e 2 kill assicurate al suo team senza concedere nulla. Ancora una volta scelta sbagliata per Daaglas ed Hylissang che concedono 2 kill, morirà Carzy al posto di Daaglas, durante un tentativo di dive sulla bot lane avversaria. I team fight inizieranno a farsi vedere molto presto sulla landa e la parola fiesta va usata nel modo più appropriato, le due squadre si scaldano e lasciano spazio a pochi tatticismi. Chiudendo il game i Mad Lions al minuto 27 con un totale di 26 kill a 14. 1-0 Mad.

 

Game 2: il secondo game inizia molto male per i Vitality che non cambiano side, Carzzy ispirato dall'Hylissang del primo game decide di lanciarsi in faccia alla morte e morire 1 v 1 con Supa. Quanto meno Vetheo nel secondo game, spostato su Le Blanc da Akali cerca di aiutare la sua squadra nel miglior modo possibile e avendo conquistato 4 kill può permettersi di fare la voce grossa con Fresskowy. Il problema sarà la difficolta di Photon di far funzionare la sua lane contro un Myrwin che per quanto messo in difficolta aiuta il suo team a conquistare quanta mappa possibile. Al minuto 29 vi segnaliamo in oltre un crono break con Hylissang punito per un bug del bulbo esplosivo su cui si trovava. Bastano comunque 33 minuti al team con 4 rookie per assicurarsi il 2-0 su i Vitality e per centrare una top 4 incredibile.

Consigliati