Steam, ecco la classifica dei paperoni del 2023

Come ogni anno, steam comunica quali sono stati i 12 giochi ad aver riscosso di più sulla propria piattaforma

The Game Awards, ha pubblicato sul proprio profilo X ufficiale la lista dei videogiochi con i guadagni più elevati della piattaforma di Steam, la celebre piattaforma gaming che per anni è stata leader nel settore dei personal computer. Da questa classifica potremmo notare l'importanza di Steam anche per giochi che non sono nativi della propria piattaforma e titoli invece in forte rilancio

I 12 giochi più redditizi del 2023 

Il 2023 per il gaming è stato un anno importantissimo, sono stati lanciati a profusione titoli importantissimi dall'inizio alla fine, alcuni multi piattaforma altri esclusivi di una console oppure di un marketplace, ma nonostante ciò Steam resta sempre uno degli indicatori più importanti per comprendere l'andamento di un videogioco nel mercato attuale.

 

La lista pubblicata da The Game Awards non è in ordine di incassi, ma solo in ordine alfabetico, non mostrando dunque la mole economica di incassi ottenuti da un videogioco piuttosto che un altro:

  • Apex Legends: gioco non natio della piattaforma Valve, che però essendo sul live service genera proventi dall'acquisto di valuta in game e per esso il 2023 è stato un anno in forte crescita, in cui non solo Ea, ma anche la community esportiva ha trascinato il proprio Battle Royale alle vette.

 

  • Baldur's gate 3: Il Goty del 2023 resta senza ombra di dubbio il gdr più importante dell'anno, ma come vedremo non sarà l'unico gioco di ruolo a figurarvi, ma sappiamo benissimo che il prodotto dei Larian avrà fatto registrare incassi da capogiro, segnando un grosso incremento delle vendite dopo l'assegnazione dell'ambito premio.

 

  • Call of Duty: il brand di fps più conosciuto al mondo continua a rimanere attaccato ai contendenti per la corona dei videgiochi più redditizi, anche qui stesso discorso che abbiamo fatto per Apex, Warzone spinge tanto in su i guadagni in un anno in cui Mw3 non sembra aver convinto in tanti.

 

  • Counter Strike 2: dopo troppi anni esce il seguito spirituale, se così vogliamo definirlo, dell'ormai celebre Counter Strike Global Offensive, il gioco più importante di Valve insieme a Dota 2 ha sicuramente colpito  nel segno gli appassionati e forse riportato interesse su un titolo troppo elitario

 

  • Cyberpunk 2077: L'uscita dell'anime su Netflix ha riacceso la fiamma dell'interesse, l'uscita del primo DLC ha fatto scoppiare la bomba e riavvicinato gli scettici che non si erano affacciati sul bellissimo mondo ideato da CD Projeckt all'epoca, non a caso il 2023 è stato l'anno in cui ha vinsto il Best Ongoing Game e ciò viene rispecchiato con la sua presenza tra i top 12 d'incassi.

 

  • Destiny 2: Il gioco di Banji continua a rimanere tra i giochi più remunerativi dell'anno

 

  • Dota 2: Il Moba di Valve continua a farsi sentire nel mercato videoludico e la sua affiatatissima community esportiva sostenta il mantenimento della macchina da guerra

 

  • Hogwarts Legacy: nonostante le troppe critiche ricevute, il gioco ispirato alla saga della Rowling riesce a posizionarsi in questa classifica dimostrando il lavoro genuino svolto su un ip con così tante aspettative.

 

  • PUBG: se vi fosse anche fornite su Steam non vi sarebbe spazio per altri titoli in questa classifica.

 

  • Lost Ark: Arrivato con tantissime attese, uno degli mmo rpg più importante per il mercato asiatico ha sbaragliato la concorrenza e guadagnato un posto di diritto nella graduatoria 

 

  • Sons of the forest: il seguito di uno dei survival game più amati al mondo arriva e si dimostra fin da subito un degno erede, meccaniche riviste e tanto tantissimo crafting

 

  • Starfield: nonostante una deludente prestazione ai The Game Awards, il gioco riesce comunque a conquistare il cuore dei fan delle serie di Bethesda che comunque, pur con qualche bug, porta a casa il suo lavoro.

 

 

Consigliati