Sinner: trionfo contro Djokovic, quando Davide batte Golia

Sinner porta in finale dell'Australian Open l'Italia intera e noi vogliamo celebrare questo successo ripercorrendo alcuni dei trionfi storici dell'Italia nell'esport

La storia di questi Australian Open, sembra voler raccontare che il noto tennista italiano Yannick Sinner sia pronto per prendersi il suo primo Slam. Questa vittoria contro Novak Djokovic ci ha riportato alla mente molti momenti dell'esport che vogliamo rivivere per celebrare le imprese in cui Davide ha battuto Golia.

Sinner 3 - Djokovic 1

La vittoria del tennista altoatesino non è solo una rivincita di un movimento che riporta un tennista in una finale di slam dopo 3 anni dalla sconfitta in finale di Wimbledon di Matteo Berrettini contro proprio Novak Djokovic, ma è anche il momento in cui il nostro Sinner da n°4 al mondo centra la sua prima grande finale entrando nella storia degli immortali italiani.
 

Sinner va a fare compagnia oltre che al sopra citato Berrettini, anche a tennisti della caratura di De Stefani, Pietrangeli e Panatta, proprio Panatta fu l'ultimo italiano a vincere la coppa Davis, prima di Sinner,  e a vincere uno slam nel 1976, per la precisione il Roland Garros. La statistica però ci racconta un'altra similitudine tra i due, il giovane Sinner come Panatta arriva ai traguardi di questo 2024 da 4° nella classifica mondiale.
 

Davide contro Golia, l'Italia intera che si unisce per il tifo per un singolo sportivo o per una squadra, come nell'occasione del mondiale vinto nel 2006 e il disastro calciopoli. Ma quali sono stati i momenti in cui l'Italia dell'esport ha sconfitto il golia della situazione facendoci esultare come abbiamo fatto nella notte tra il 25 e il 26 gennaio 2024?

Reynor più forte della corea 

Quando si parla di imprese fuori da ogni logica e vere proprie anomalie come Davide che batte Golia, non si può non citare immediatamente Reynor, giocatore italiano di Stacraft 2, il quale inizia la carriera da sotto età e le premesse per essere il prossimo talento generazionale della storia dell'Europa sono a porta. Il gioco di strategia in tempo reale a firma Blizzard, è sempre stato un discorso tra campioni asiatici, in particolar modo da parte della Corea, che ha sempre dominato in lungo ed in largo le competizioni.

 

Riccardo Romiti di anni oggi ne ha 21, questo ci fa pensare a quanto la sua carriera possa ancora raccontare nonostante fin'ora abbia già collezionato un'enorme quantità di premi e trofei vinti. Per farvi rendere conto della carriera di questo giovane videogiocatore, vogliamo citare il paragrafo sulle sue vittorie, utilizzato dal sito ufficiale del team della Redbull, squadra per cui è player attualmente.

 

Dal 2018 però, a 16 anni compiuti, può finalmente rientrare nel circuito ufficiale e solo in quell’anno Reynor vince moltissimi tornei online: ottiene un bel 5° posto sia al WESG in Cina, sia al WCS di Valencia, oltre ad arrivare a un passo dal conquistare il WCS di Montreal, perdendo all’ultimo tuffo la finale contro la star del momento, Serral. Nonostante non entri nelle Global Finals del Blizzcon per pochissimo, ha comunque il grande onore di venir convocato dalla casa madre Blizzard per far parte del video di celebrazione dei 20 anni del gioco. La degna conclusione di un anno da incorniciare arriva a dicembre, quando entra a far parte del team francese Gamers Origin e diventa un player ufficiale Red Bull. Ad oggi, Riccardo “Reynor” Romiti rappresenta appieno il futuro dell’esport italiano nel mondo, come dimostrano anche le vittorie al WCS Winter e al WCS Summer nel 2019, al Dreamhack Masters Summer 2020, e nel settembre 2020 anche al Dreamhack Masters Fall, prima nel circuito europeo e poi nella finale mondiale. A febbraio 2021 ha inoltre conquistato il primo posto all'Intel Extreme Masters di Katowice, un'impresa mai riuscita a nessun player nato al di fuori della Corea. Nel luglio dello stesso anno, inoltre, ha conquistato il DreamHack SC2 Masters Summer

Prinsipe contro Gorilla

Nel 2017, precisamente a maggio di quell'anno, l'Italia si ritrova ad avere per la prima volta un giocatore come Prinsipe in una finale di questo calibro, il giocatore all'epoca giocava su PS4 a fifa17, perché facciamo questa precisazione? Beh all'epoca le Icone, i giocatori che hanno segnato il mondo del calcio, erano disponibili solo su Xbox One ed il torneo avrebbe messo di fronte i campioni delle due console dopo che erano riusciti ad ottenere la vittoria di un mini torneo separato. Disputando poi una finale su entrambe le console e con dunque formazioni diverse.
 

All'epoca Prinsipe era un giocatore dei Mkers, noto team capitolino, ma era ancora poco conosciuto a livello internazionale e per quanto la sua qualifica arrivi all'Europeo grazie a 118 vittorie su 120 il giovane non si lasciò spaventare dalla leggenda del team Uniland Gorilla. La finale si disputò a Madrid, dove l'Italia vide diverse grandi vittorie ma altrettante sconfitte. 

Come Sinner contro Djokovic, ci credevamo ma non eravamo pronti a metterci la mano sul fuoco, cosa che rese ancora più gloriosa la vittoria del giocatore romano. Una delle peculiarità per cui all'epoca Prinsipe fu considerato un innovatore, era la scelta di anteporre la sua fede calcistica alle scelte legate al meta competitivo, decidendo di giocare tutto il torneo con il trio di giocatori della Roma più iconici di quell'anno Nainggolan, Manolas e Florenzi.

Queste alcune delle dichiarazioni che rilasciò dopo la vittoria:

Il torneo è stato bellissimo, organizzato tutto perfettamente e nei piccoli dettagli. Ci sono stati molti avversari forti e duri da battere. In particolare due sono stati i momenti in cui ho avuto più difficoltà, entrambi relativi allo stesso avversario, il tedesco The Strxnger : contro di lui sono andato due volte in svantaggio però in entrambe le occasioni ho ribaltato il risultato.
La finale invece l’ho disputata contro l’inglese Gorilla, un player fenomenale. Sapevo di giocarmi tutto su Xbox One perché lui era sicuramente più portato sulla console di Microsoft. In effetti sono riuscito a strappare un ottimo 2-2 e poi ho vinto su PlayStation 4

Ci sarebbero ancora tante storie da raccontare dove Davide ha battuto Golia nel mondo degli esport, ma per celebrare la grande vittoria di Sinner abbiamo optato per scegliere due dei momenti più emblematici della storia recente dell'esport e dei traguardi che abbiamo raggiunto uniti.

Consigliati