Pokémon, i LAIC sono terminati

Terminano i primi campionati internazionali Pokémon del 2024 di San Paolo che hanno visto trionfare l'italiano Marco Silva

Dal 17 al 19 novembre 2023 si sono tenuti I Pokémon “Latin American International Championship” 2023, ovvero la competizione dedicata a tutto l’ambiente competitivo Pokémon che riunisce migliaia di appassionati per tornei ed eventi a tema Pokémon. Questi tornei internazionali, nonché i primi della stagione competitiva 2024, si sono svolti a San Paolo e hanno visto un italiano alzare la coppa.

 

Pokémon, una realtà competitiva nascosta

Nonostante non ci sia minimamente confronto con titoli come LoL, Dota 2 o altre realtà affermate nel mondo degli Esport, che fanno di sponsor e budget stellari, dovuti al loro incredibile seguito, il loro principale punto di forza, per gli appassionati del competitivo Pokémon la situazione è molto diversa.

 

Il competitivo Pokémon è seguito solo da una parte dei giocatori, poiché l’esperienza di gioco Pokémon non si è mai incentrata esclusivamente sulla sua espressione competitiva. Tuttavia il circuito Play Pokémon da sempre si è impegnato per realizzare eventi di tutto rispetto, con location stupende ed alcuni eventi in streaming ben organizzati con tanto di veri caster ed intrattenimento tra un match e un altro.

 

Quali sono le competizioni principali del circuito Play Pokémon?

Il brand dei mostriciattoli tascabili non ruota solo attorno alla serie di videogiochi principali, anzi, buona parte dei guadagni principali della società derivano dalla vendita e dalla realizzazione di gadget e collaborazioni con varie aziende. Tra i videogiochi presenti nel circuito Play Pokémon ma non in questi LAIC bisogna menzionare sicuramente il picchiaduro Pokkén e il gioco MOBA Pokémon Unite.

Invece tra le competizioni che si sono svolte abbiamo:

Pokémon Go

Molti non sanno che la community appassionata a Pokémon Go non è “interamente” morta dopo 1 anno dall’uscita del gioco su mobile, anzi è più forte che mai! Dopo un mondiale ad agosto 2023 ricco di sorprese, si riconferma sul versante competitivo con questi campionati internazionali che hanno visto moltissimi partecipanti.

A trionfare è stato il padrone di casa LNDsRargef in una finale tutta brasiliana contro il suo compatriota LNDsTrickzinn. La vittoria dell’internazionale è stata conquistata con un team in cui erano presenti 4 su 6 tra i Pokémon, che si sono rivelati essere tra i più utilizzati in tutto il torneo: Lickitung, Lanturn, Medichamp e Gligar, che insieme a Sandslash Alola e Registeel (non presenti nel suo team) hanno rappresentato il Top Usage della competizione.

 

TCG Pokémon

Oltre che essere collezionate ed avere un valore ed una bellezza inimmaginabile, le carte Pokémon sono un altro dei campi di battaglia in cui migliaia di allenatori si scontrano in uno dei Trading Card Game più apprezzati del settore, alla pari di giochi come Magic. Infatti i budget e i premi per questa tipologia di competizioni sono i più alti del circuito Pokémon e vede continui aggiornamenti tra una stagione e l’altra.

Tra i mazzi più utilizzati in questo torneo, troviamo al primo posto quello di Gardevoir, con un altissimo usage del 26% arrivato inoltre in top 6 ai LAIC; di seguito il mazzo di Giratina, con un buon 14% ed un 4 posto ottenuto; al terzo posto il mazzo incentrato su Charizard che ha visto un 11% di giocatori e piazzandosi in Top 12.

Menzione d’onore al nostro giocatore italiano Alessandro Cremascoli che con il suo mazzo su Snorlax si piazza 32°. Il vincitore del torneo è stato invece il Finlandese Juho Kallama con il suo mazzo misto con Miraidon e Flaffy

 

VGC Pokémon

Ovviamente concludiamo da quella principale e più apprezzata dalla fanbase, ovvero le competizioni legate ai titoli principali Pokémon. Dal 2023 i titoli su cui i giocatori continuano a sfidarsi sono Pokémon Scarlatto e Violetto, che ruotano intorno la nuova meccanica della teracristallizzazione. 
Il regolamento attualmente in corso è quello della “Regulation E”  che comprende sia i Pokémon ottenibili attraverso il DLC “La Maschera turchese” ed ottenuti tramite Pokémon Home in leggende Pokémon: Arceus

Partiamo dalle caratteristiche dei vari team, che hanno visto molti cambiamenti e ritorni rispetto ai precedenti tornei.

La top 12 Pokémon con usage maggiore

Il Pokémon più usato è stato Flutter mane presente nel 53% dei team

 

Seguito da Iron Hands, da sempre presente ma mai così tanto, nel 51% dei team

 

Landorus forma Terian resta saldo in top, con un 37%

 

Urshifu acqua, caccia via la sua controparte buio Single Strike, con un 34% 

 

Tornadus resta in top con il 29%

 

Heatran scende tantissimo ma rimanendo in top con un 27%

 

Rillaboom è presente, ma non quanto ci si aspettava, presente solo nel 26% dei team

 

Arcanine di Hisui è la prima grande sorpresa, presente nel 23% dei team 

 

Amoonguss è, stavolta in negativo, un’altra sorpresa sceso in usage al solo 23%

 

Chien-Pao meglio del suo cugino di tipo fuoco, resiste in top con il 22% di usage

 

Roaring Moon è un grande ritorno in top usage, con un netto 18%

 

Ogerpon, tipo acqua, conclude questa top, battendo le sue 4 forme nel 17% dei team

 

La finale

La finale è stata disputata tra l’italiano Marco Silva ed il brasiliano Thiago Lattanzi, dove l’allenatore tricolore giocava un team molto offensivo incentrato sulla forza di Arcanine di Hisui e di Iron Hands, mentre Thiago Lattanzi ha concentrato il suo perno offensivo in Ogerpon, circondandolo di supporter come Indeedee per piazzare il campo psichico o Regieleki per utilizzare gli schermi ed aumentare le proprie difese. 

Ad essere nominato campione è stato proprio il giocatore italiano, che con il suo team composto da

  • Arcanine di Hisui
  • Urshifu acqua
  • Amoonguss
  • Goldhengo
  • Tornadus
  • Iron Hands

Si è confermato per la seconda volta campione di un campionato internazionale VGC Pokémon, precedentemente vinto negli internazionali in Oceania nel 2020.

 

Da menzionare gli altri 3 partecipanti italiani, sia lo sfortunatissimo Marco Marras che è stato eliminato al Day 1 durante la svizzera; sia Nico Davide Cognetta che Giulio Tarlao, che si sono piazzati rispettivamente al sedicesimo e quattordicesimo posto.

Consigliati