Microsoft voleva acquisire Nintendo nel 2020

Nel documento FTC che è stato leakato al pubblico c'è un dettaglio molto interessante, che riguarda l'apparente volontà del colosso americano di acquisire la casa di produzione videoludica giapponese

19/9/2023

Nel documento FTC che è stato leakato al pubblico recentemente, è possibile individuare un e-mail con un contenuto molto intrigante, infatti il CEO di Microsoft Phil Spencer ha discusso internamente con il vicepresidente esecutivo Takeshi Numoto una trattativa che avrebbe portato all'acquisizione del colosso videoludico giapponese Nintendo.

I contenuti della e-mail

Nella e-mail di Spencer si può leggere 

"Takeshi, sono totalmente d’accordo sul fatto che Nintendo sia per noi la risorsa principale nel campo dei giochi, e oggi il gioco è il nostro percorso più probabile verso l’importanza del consumatore, Ho avuto numerose conversazioni con il LT di Nintendo su una collaborazione più stretta e penso che se qualche azienda americana avesse una possibilità con Nintendo, probabilmente siamo nella posizione migliore", indicando che Microsoft non era l'unica multinazionale dell'elettronica che aveva adocchiato Nintendo, il CEO di Microsoft continua dicendo "La situazione sfortunata (o fortunata per Nintendo) è che Nintendo è seduta su un grosso mucchio di soldi, hanno un Board of Directors che fino a poco tempo fa non ha spinto verso ulteriori incrementi nella crescita del mercato o nell’apprezzamento delle azioni. Dico “fino a poco tempo fa” poiché il nostro ex membro del consiglio di amministrazione di MS ValueAct ha acquisito in modo massiccio azioni di Nintendo e sono rimasto in contatto con Mason Morfit mentre le acquisiva. È probabile che spingerà per più azioni Nintendo, il che potrebbe creare opportunità per noi"

L'acquisizione di ZeniMax

Nella mail è possibile leggere anche dei piani di Microsoft di acquisire ZeniMax, la società proprietaria di Warner Bros Interactive (L'ombra di Mordor) e Bethesda (Fallout, Doom, The Elder Scrolls), "Non dirò che WB o Zeni siano Nintendo, ma entrambi sono in vendita e ottenibili da noi se le cose si allineano. Il più grande ostacolo in WB è la proprietà della proprietà intellettuale, non possediamo nessuna proprietà intellettuale, il che danneggia la flessibilità a lungo termine e l’unico ostacolo su Zeni sono le aspettative di valutazione dei fondatori. Ma penso che sia probabile che si verifichi uno o entrambi questi fattori, il che ci aiuterà continuare a raddoppiare la nostra rilevanza nel settore dei giochi".
Microsoft acquisterà ZeniMax media nel Settembre 2020.

Le conclusioni

Phil Spencer chiude la mail dicendo "Ad un certo punto, acquisire Nintendo sarebbe un momento di carriera e onestamente credo che sia una buona mossa per entrambe le società. Ci vuole solo molto tempo perché Nintendo capisca che il loro futuro esiste grazie al proprio hardware. Molto tempo".
Come tutti sappiamo, Nintendo è ancora una compagnia a sé stante, però cosa implica questa mail per il futuro dello studio giapponese amato in tutto il mondo? Sicuramente sappiamo che la situazione finanziaria di Nintendo è buona, secondo quanto scritto da Spencer, ma sono un azienda che sta stagnando e non si sta impegnando ad aumentare la propria valutazione di mercato al di fuori dello sviluppo e pubblicazione di videogiochi, a differenza di aziende come Epic Games, Sony e la stessa Microsoft, che stanno cercando di diversificare i propri prodotti.

Consigliati