Maya Hawke, il suo esordio con Quentin Tarantino grazie alla parentela con Uma Thurman

In un’intervista l’attrice ha ammesso di aver iniziato a lavorare perché figlia di genitori celebri ma quando c’è talento, il nepotismo non fa paura

maya-hawke-il-suo-esordio-con-quentin-tarantino-grazie-alla-parentela-con-uma-thurman-main
CREDITI: Dreamstime

I figli d’arte nel mondo dello spettacolo ci sono da sempre, pensiamo a Gwyneth Paltrow, Michael Douglas ma, oggi, sono tanti e già famosi grazie ai social. Chi più, chi meno hanno tutti talento ma non tutti riescono ad eguagliare il successo dei genitori. Non è certo il caso di Maya Hawke, figlia di star del calibro di Uma Thurman e Ethan Hawke che ha raggiunto la fama con la sua partecipazione alla serie tv Stranger Things ma la sua carriera è iniziata grazie a Quentin Tarantino, il regista di Pulp Fiction la cui musa è da sempre, proprio la mamma di Maya. Insomma, Maya è solo figlia d’arte o merita il suo successo? Ecco cosa ha dichiarato.

Maya Hawke e la parte in C’era una volta a Hollywood

Quella tra Quentin Tarantino e Uma Thurman è stata una delle migliori e più fruttuose collaborazioni nella storia del cinema, quasi più che quella tra Leonardo di Caprio e Martin Scorsese o Christopher Nolan e Cillian Murphy. La coppia Thurman-Tarantino ci ha regalato cult come il già citato Pulp Fiction e il capolavoro indiscusso Kill Bill ( in entrambi i volumi). E dunque quando il celebre regista ha scelto proprio Maya Hawke per una - piccola parte - nel suo film Once upon a time in Hollywood, tutti hanno gridato al nepotismo. A quel tempo, Maya, si difese dichiarando che, per ottenere la parte, aveva fatto un provino come tutti, suscitando critiche e ilarità da parte del pubblico. Oggi, più matura e più forte, chiarisce che:

 

Non ho mai avuto intenzione di lasciare intendere che non ho ottenuto la parte per ragioni nepotiste - penso di averlo fatto assolutamente”

 

View post on Instagram
 
View post on Instagram
 

Il film di Tarantino è in realtà parecchio affollato da figli di. Nel cast figurano anche Margaret Qualley, figlia di Andie McDowell e Rumer Willis, figlia di Demi Moore e Bruce Willis, volute tutte da Quentin proprio perché figlie di genitori celebri. Il suo obiettivo a quanto pare era proprio quello di riunire quanti più figli d’arte possibile nel suo film la cui trama è dedicata proprio al mondo degli attori hollywoodiani (e non solo).

 

Durante l’intervista viene chiesto a Maya se, ora che ha confermato le “accuse” di nepotismo, sente di meritare il successo che ha oggi e anche in questo caso l’attrice ci dà una risposta molto interessante.

 

Merita” è una parola complicata. Ci sono così tanti che meritano questo tipo di vita che non lo ottengono, ma mi sento a mio agio nel non meritarlo e nel farlo comunque. E non farlo non aiuterebbe nessuno”

 

View post on Instagram
 
View post on Instagram
 

 

Maya Hawke e Stranger Things, cosa accadrà a Robin nella quinta stagione

Tutti i fan di Stranger Things potranno confermare che quello di Robin è uno dei personaggi più interessanti introdotti a partire dalla terza stagione di Stranger Things, la serie Netflix ambientata tra la cittadina di Hawkins e il Sottosopra. Incontriamo Robin la prima volta assieme a Steve, dietro il bancone di una gelateria e subito ci innamoriamo del suo personaggio, un po’ goffo ma dalla spiccata intelligenza. Nel corso delle stagioni Robin sarà prima una sorta di antagonista per Nancy, poi le due riusciranno a diventare amiche, complici anche le situazioni di pericolo che le due vivono assieme al gruppo dei protagonisti della serie. Nel finale della quarta - incredibile stagione, Robin riesce a sopravvivere alle insidie di Vecna e a parlare finalmente con la ragazza di cui è segretamente innamorata da anni. 
 

Ma cosa possiamo aspettarci nella quinta stagione per il personaggio di Robin? Sicuramente la ritroveremo più forte e più sicura di sé. La quarta stagione della serie si è chiusa con un’immagine a dir poco apocalittica: fratture nel suolo, nubi oscure e un’ombra, quella del Mind Flayer, che incombe sulla cittadina. Vecna è riuscito, tramite una serie ben congegnata di omicidi, ad aprire 4 portali sul territorio di Hawkings. Il gruppo di ragazzi, protagonisti della prima stagione, Michael, Lucas, Dustin e Will, guidati da Undici, osserva terrorizzato lo scenario, consapevole della minaccia che si sta progressivamente facendo sempre più vicina.  

View post on Instagram
 
View post on Instagram
 

In occasione dello Stranger Things Day già nel 2022, i Duffer Brothers, ideatori e registi della serie, hanno condiviso il titolo del primo degli 8 episodi della quinta stagione. Il significato del titolo The Crawl che rimanda allo “strisciare” in italiano, è stato associato dai fan a numerosi indizi. I Duffer intanto continuano a condividere via social piccolissimi dettagli che, ovviamente, non ci aiutano molto a ricostruire la trama della nuova storyline ma contribuiscono a creare hype. E tra atmosfere sempre più cupe e cubi di rubik da decifrare, non vediamo l’ora di scoprire come si concluderà la saga del sottosopra.

Consigliati