I Version1 si fondono con i G2, ora i Minnesota Rokkr appartengono alla multigaming europea

L'organizzazione americana ha cessato le operazione ed è stata completamente assorbita dai G2 Esports, che ora opereranno il franchise della Call of Duty League dei Minnesota Rokkr.

6/12/2023

Sembra essere arrivata la fine per i Version1, l'organizzazione americana di proprietà del gruppo di investimenti WISE Ventures LLC infatti ha postato su tutti i suoi canali ufficiali e il sito un immagine che spiega che la proprietà di tutti i team che un tempo competevano sotto la bandiera viola, adesso sono di proprietà dei G2 Esports, compreso il loro franchise della Call of Duty League.

L'acquisizione dei Version1

L'annuncio arriva un pò a sorpresa per i fan di Call of Duty, che hanno visto la franchigia dei Minnesota Rokkr fare molte mosse di mercato, acquisendo Lamar "Accuracy" Abedi dai Seattle Surge, Joseph "Owakening" Conley dai Boston Surge e il giovane talento francese Thomas "Lynz" Gregorio, assemblando un team con molto potenziale per la prossima stagione, infatti i G2 prenderanno possesso dell'intero team e quindi potranno schierare il team americano nella prossima stagione, oltre che godere dei ricavi dalla vendita del duo britannico Cameron "Cammy" McKilligan e Marcus "Afro" Reid che andranno ai Los Angeles Thieves.

 

Un altro degli assetti più preziosi dei Version1 è il loro team di Rocket League, che nonostante la mancata qualifica alla RLCS Championship del 2023, vanta due giocatori con moltissimo potenziale, il 17enne Daniel "Daniel" Piecenski e il 18enne Landon "beastmode" Konerman, entrambi hanno salutato il team in via ufficiale lunedì 4 dicembre, rendendo molto probabile l'acquisizione dei due giocatori nel team di Rocket League dei G2 che, casualmente, ha rilasciato ad ottobre Jacob "JKnaps" Knapman e Reed "Chicago" Wilen, due dei membri storici del team.

Il team di Valorant Game Changers

Una delle mosse di mercato più strane che i Version1 avevano fatto recentemente è stata la vendita del loro roster femminile di Valorant, considerato il più forte in America e che si era appena qualificato alla Valorant Game Changers Championship 2023, per poi vendere la squadra a Shopify Rebellion, all'epoca  era stata vista come una mossa difficile da comprendere, in quanto le allora Version1 erano le favorite alla vittoria dell'evento internazionale, predizione che si è rivelata corretta, e una vittoria ad un evento di quel calibro avrebbe potuto alzare il prezzo del roster, ma con le informazioni che abbiamo ora, possiamo capire che la vendita è stata un ultimo tentativo dell'organizzazione di recuperare fondi.

Che cosa vuol dire quest'acquisizione per i G2

Sicuramente i grandi vincitori di questa acquisizione sono i G2, che sono riusciti ad entrare nel franchising della Call of Duty League con molta facilità, ora bisogna vedere come gestiranno i Minnesota Rokkr, anche se i più cinici potrebbero vedere il loro ingresso come una mossa per guadagnare soldi appena la lega collasserà, come già successo con la Overwatch League, si vocifera che dopo la stagione 2024, Activision Blizzard offrirà ai propietari dei franchise un rimborso per far terminare la lega, in questo modo i G2 incasserebbero il rimborso senza aver dovuto investire le enormi cifre di ingresso (si parla di 20 milioni per ogni organizzazione che ha voluto entrare nella CDL).

 

Invece il futuro dei Version1 sembra essere inesistente, nel post ufficiale infatti hanno annunciato che non schiereranno più squadre sotto loro nome, anche se WISE Investments continuerà a supportare gli esports tramite i G2, di cui adesso sono shareholder.

Consigliati