Apex Legends X Final Fantasy: I prezzi del nuovo evento fanno discutere

Il nuovo evento in collaborazione con Final Fantasy sta causando dissapori fra la community ed Electronic Arts a causa dei prezzi spropositati che oscillano fino a 300 euro

8/1/2024

Quando EA e Respawn hanno annunciato la collaborazione a sorpresa con Square Enix per portare Final Fantasy su Apex Legends, i fan erano entusiasti in quanto è la prima collaborazione del Battle Royale di EA con un brand importante come la saga RPG giapponese. Purtroppo l'entusiasmo si è trasformato in delusione quando i fan hanno visto i cambiamenti al sistema per collezionare le cosmetiche esclusive dell'evento, sottolineando il dissapore verso gli elementi gacha del gioco.

I cambiamenti al sistema di collezione delle cosmetiche

Il cambiamento che ha causato i dissapori fra la community ed Electronic Arts riguarda il metodo con cui si sbloccherà il Cimelio di questo evento: la celebre Buster Sword di Cloud Strife, protagonista di Final Fantasy 7.

Se durante gli eventi precedenti per sbloccare un Cimelio (ovvero delle cosmetiche che appaiono quando il nostro personaggio ripone le armi e a cui aggiungono nuove animazioni) bisognava comprare tutti gli oggetti dell'evento, con una spesa intorno ai 160 euro, adesso bisognerà trovare la Buster Sword all'interno delle casse.

 

Le casse dell'evento contengono 36 oggetti, delle quali il più raro è proprio l'iconica spada, alcuni fan hanno fatto i conti e la probabilità di trovare il cimelio è di circa 1% per cassa, per avere una chance realistica di trovarla sarà quindi necessario spendere più di 300 euro.

La reazione al nuovo sistema gacha

I fan non sono stati per nulla contenti del nuovo sistema, in quanto i Cimeli passati erano già considerati una cosmetica veramente troppo costosa e riservata solamente ai collezionisti di Apex Legends più accaniti.

 

Un altro fattore che è stato visto come una vera e propria presa in giro è il premio finale dell'evento, che si otterrà una volta collezionati tutti e 36 gli oggetti cosmetici, la skin per la cassa della morte "One-Winged Angel". Questa skin cambierà l'aspetto della cassa che lasceremo sul terreno dopo essere stati eliminati, quindi sarà visibile solamente ai nostri nemici dopo averci eliminato e non al giocatore che ha speso più di 300 euro per ottenerla.

La monetizzazione "di lusso" negli altri giochi live-service

Non è la prima volta che delle skin con prezzi esorbitanti fanno discutere, abbiamo già parlato dei Cimeli di Apex Legends, che già con il vecchio sistema erano considerati molto costosi, ma anche altri giochi hanno avuto discussioni importanti riguardo i prezzi di lusso di alcuni elementi cosmetici.

 

Basta pensare a Valorant, che fin dalla beta rilasciava bundle di skin che possono arrivare a costare fino a 100 euro, con il sistema del negozio delle skin (che offre solo 4 skin a rotazione) che incitava i giocatori a fare acquisti d'impulso, anche se Riot offre la possibilità di comprare le skin singolarmente per chi volesse risparmiare un pochino.

Il caso più iconico di oggetti in-game con prezzi da capogiro è sicuramente Counter-Strike, che dal 2013 utilizza un sistema di lootbox che possono contenere skin di diversa rarità, dalle comuni fino ai leggendari coltelli, alcuni dei quali possono costare più di 500 euro sul mercato, per non parlare di skin con elementi randomici rarissimi che possono arrivare a costare migliaia di euro.

 

La differenza principale fra Apex Legends e Counter-Strike però è la presenza del mercato secondario e degli scambi fra giocatori su Steam, che conferiscono alle skin un valore monetario tangibile invece di essere una semplice decorazione.

Consigliati