Videogiochi sul grande schermo

Negli ultimi anni il numero di videogiochi adattati al cinema è aumentato notevolmente, regalandoci immense gioie, ma anche disastri epocali

La trasposizione di videogiochi in film è un'impresa che ha catturato l'immaginazione di fan e cineasti per decenni. Questa pratica, spesso circondata da aspettative elevate e una dose di scetticismo, ha generato film che spaziano dalla riuscita celebrazione del materiale originale a adattamenti che hanno deluso le aspettative dei fan più accaniti. In questo articolo, esploreremo le sfide e i trionfi legati alla trasposizione di videogiochi al cinema, analizzando sia gli aspetti positivi che quelli controversi di questo affascinante connubio tra due medium distinti.

Videogiochi al cinema, un esperimento rischioso

La trasposizione di videogiochi al cinema rappresentano una naturale estensione dell'esperienza di gioco, portando le storie e i personaggi amati su uno schermo più ampio.

Film come "Tomb Raider" e "Assassin's Creed" hanno cercato di catturare l'essenza dei loro controparti videoludiche, offrendo ai fan l'opportunità di vedere i loro eroi digitali prendere vita in modo nuovo e coinvolgente. In questi casi specifici, come anche in altri che vedremo, l'esperimento non ha avuto però il successo sperato, e questi film sono da tutti considerati come dei cult nella cultura dei film brutti.

 

Questa connessione tra due medium può creare un ponte tra il mondo dei videogiochi e il cinema, ampliando il pubblico e celebrando la ricchezza narrativa dei giochi.

L'adattamento: il grande ostacolo delle trasposizioni

A rappresentare il primo grande ostacolo nella realizzazione di un film basato su un videogioco c'è sicuramente il fattore dell'adattamento. Infatti il cambio di medium, ovvero il passaggio da videogioco a pellicola cinematografica non è mai semplice e porta con sé una serie di sfide uniche.

 

La trasposizione deve bilanciare la fedeltà al materiale originale con la necessità di creare una narrativa che funzioni sul grande schermo. Le aspettative dei fan sono spesso elevate, e i cineasti devono affrontare la sfida di soddisfare un pubblico già affezionato alle storie e ai personaggi presenti nei giochi. Il rischio di deludere i fan più accaniti è sempre presente, specialmente quando le aspettative sono elevate.

Tentativi vincenti, alcuni di una lunga serie

Nonostante le sfide, ci sono casi in cui l'adattamento di videogiochi al cinema ha raggiunto un buon riscontro. 
Un esempio evidente è il film "Detective Pikachu", che nonostante il forte scetticismo iniziale, ha portato il mondo di Pokémon su schermo in modo accattivante e divertente, catturando sia l'attenzione dei fan che di nuovi spettatori, anche ad una prestazione eccezionale del famoso attore Ryan Reynolds. 

 

Inoltre, il film "Mortal Kombat" ha ricevuto elogi per la sua capacità di catturare l'atmosfera intensa e gli elementi distintivi del gioco, offrendo una visione coinvolgente per gli appassionati e gli spettatori casuali.

Delusioni Cinematografiche: Quando l'adattamento diventa imbarazzante

D'altro canto, ci sono esempi di adattamenti che non sono riusciti a soddisfare le aspettative. 
Film come "Super Mario Bros" (ovviamente parlo del film live action degli anni 90) e "Street Fighter" hanno ricevuto critiche per la loro interpretazione libera e, in alcuni casi, distorta dei giochi originali. Queste delusioni possono derivare da decisioni creative discutibili, adattamenti narrativi deboli o interpretazioni che non rispecchiano l'essenza dei personaggi e delle trame videoludiche. 

 

Ma non solo, molti film tratti da videogiochi sono odiati per la resa banale e ridicola del reparto narrativo, che gran parte delle volte invece rappresenta il punto di forza del videogioco di riferimento

La Sfida dell'Equilibrio Creativo: Fedeltà vs. Innovazione

Un dilemma centrale nella trasposizione di videogiochi al cinema è trovare l'equilibrio tra la fedeltà al materiale originale e l'innovazione creativa. Mentre i fan desiderano vedere i loro giochi preferiti portati sullo schermo con precisione, i cineasti sono spesso tentati di apportare modifiche per adattare le storie ai formati cinematografici o per aggiungere nuovi elementi. Questa sfida di bilanciamento richiede una visione creativa e una profonda comprensione delle dinamiche narrative dei videogiochi.

Quali saranno i prossimi videogiochi ad essere trasposti?

Dopo un ultimo anno di successi incredibili, basti guardare il film d'animazione dedicato a Super Mario Bros, che non solo è l'adattamento che ha ottenuto il miglior incasso di sempre, ma in più è candidato a numerosi premi tra Oscar e Miglior adattamento ai TGA, o anche il recentissimo film horror dedicato alla fortunatissima saga FIVE NIGHTS AT FREDDY'S, che ha riscosso un enorme successo tra il pubblico nonostante la risposta molto fredda da parte della critica; o, spostandoci sul versante televisivo, il successo incredibile della serie tv di HBO dedicata a The Last of Us, non ci resta che chiederci quali saranno i prossimi adattamenti che saranno realizzati nei prossimi anni, e tra annunci e dichiarazioni, abbiamo già una serie di nomi che ci lasciano ben sperare... o quasi.

 

Dopo il successo di Super Mario Bros -The Movie, Nintendo vuole tentare il passo grosso e ha recentemente annunciato che è in produzione un live action ispirato a The Legend of Zelda, supervisionato dallo stesso Miyamoto.

 

Il gioco più venduto al mondo, potrebbe effettivamente avere la sua versione sul grande schermo, è in produzione Minecraft: il film.

 

Abbiamo parlato dei TGA? Perche a quanto pare, Universal sta già da tempo lavorando alla trasposizione cinematografica di God of War, il film è attualmente in fase di produzione.

Sono tantissimi gli adattamenti cinematografici di videogiochi amati alla follia dalla fanbase, attesi con tanta speranza ed un pizzico di paura che il loro videogioco o saga di videogiochi preferita, venga sminuita e ridotta ad un semplice prodotto scadente per guadagnare.

 

Ma quindi è un bene o un male?

La trasposizione di videogiochi al cinema è un viaggio affascinante, pieno di potenziale creativo e di rischi significativi. Mentre alcuni film hanno conquistato il cuore dei fan, altri sono caduti nel campo delle delusioni. 
La chiave del successo risiede nella capacità di catturare l'essenza dei videogiochi, rispettando al contempo la natura distintiva del medium cinematografico. In questo connubio di due mondi, il cinema e i videogiochi, emergono sfide e opportunità che continuano a plasmare l'intersezione di queste due forme d'arte uniche.

Consigliati