The Beautiful Game: la storia vera del toccante film Netflix

Sport, solidarietà e umorismo sono le parole chiave del film con Bill Nighy a Michael Ward che vede una squadra di senzatetto lottare per la Homeless World Cup

CREDITI: Dreamstime

I film o le serie TV dedicati alla solidarietà sportiva hanno sempre avuto il potere di risollevare l’umore, basti nominare rispettivamente 'Chi segna vince' e 'Ted Lasso'. Anche solo da un punto di vista ludico, si pensi al potere socialmente inclusivo del calcio virtuale, argomento ampiamente trattato durante il Rome Video Game Lab 2024. Se a questo potere ci si aggiunge una storia vera e un cast di attori di talento - tornando all’ottica cinematografica - si ottiene una ricetta magica. Il produttore Frank Cottrell-Boyce ha avuto per la prima volta l'idea di 'The Beautiful Game', un film dedicato alla Homeless World Cup, nel 2012. Dopo molti anni di tentativi, tra cui un'iterazione con Colin Farrell e Brendan Gleeson, nel 2021 è stato annunciato che Bill Nighy sarebbe stato il protagonista. Ora, tre anni dopo, il film è finalmente dietro l'angolo. Pronto ad approdare su Netflix il 29 marzo, ecco cosa si nasconde dietro la toccante storia di 'The Beautiful Game'.

Integrazione e innovazione: il ruolo del calcio virtuale

In occasione del Rome Video Game Lab di fine gennaio 2024, a soli pochi giorni di distanza dalla distribuzione del primo trailer ufficiale di The Beautiful Game, si è parlato proprio di come il calcio virtuale sia uno dei più importanti aggregatori sociali. Curiosità casualità vuole che la Homeless World Cup del film Netflix si tenga proprio nella città di Roma. 

 

View post on Twitter
View post on Twitter

 

Durante l’apposito talk del festival ludico, organizzato dalla Federazione Italiana Giuoco Calcio (FIGC) e dalla Lega Nazionale Dilettanti (LND), è stato evidenziato come gli eSports in generale fungano da catalizzatori per l’inclusione sociale e l’integrazione. Di seguito, l’intervento di Luigi Botti, responsabile dell'Area Revenue FIGC:

 

“Dal punto di vista sportivo, in quanto a valori ed emozioni, non c’è alcuna differenza tra virtuale e reale. E infatti gli eSports costituiscono un grande hub valoriale proprio per la caratteristica di azzerare le distanze. La parte tecnologica è quella che rappresenta l'innovazione più grande ed è su questo punto che FIGC, Leghe e Istituzioni giocano un ruolo centrale"

 

Il calcio virtuale, dunque, racchiude in sé un’opportunità unica di inclusione. E questo vale anche per le persone con disabilità, come avvenuto per esempio nel biennio della pandemia, quando la FIGC-DCPS organizzò un apposito torneo di eSports. Come ricordato da Giovanni Sacripante, responsabile nazionale della Divisione Calcio Paralimpico e Sperimentale, “Le generazioni più giovani, che rappresentano l’80% della community del calcio virtuale, sono fondamentali per il futuro del nostro sport in generale”.

The Beautiful Game: tra finzione e storia vera

Caratterizzato da un tono umile e tragicomico, The Beautiful Game è perfetto per un attore del calibro di Bill Nighy (Love Actually, Underworld). Quest’ultimo interpreta Mal, un allenatore che guida un gruppo di calciatori inglesi senzatetto alla Homeless World Cup a Roma, sperando di condurli alla vittoria. Nella commovente sinossi del film, l'attaccante Vinny (Micheal Ward) viene notato da Mal. Tuttavia, diventa presto chiaro come il suo talento calcistico verrà messo in ombra dalla condizione di senzatetto, un aspetto pronto a causare spaccature all'interno della squadra.

 

View post on Twitter
View post on Twitter

 

Basato su un evento sportivo reale, The Beautiful Game descrive il calcio come un linguaggio universale, capace abbatte le barriere nazionali anziché erigerle. Tra i vari tentativi dell'Inghilterra di vincere la Homeless World Cup, il giocatore di punta Vinny sarò costretto lottare con i propri limiti, affrontando la sua difficile situazione. 

 

View post on Twitter
View post on Twitter

 

Pur essendo una storia di fantasia, il film è stato realizzato in collaborazione con il vero torneo internazionale di calcio per senzatetto e il tema delle seconde opportunità prende ispirazione dalle storie reali di ex giocatori. La prima Homeless World Cup si è svolta a Ganz, in Austria, nel 2003, mentre il torneo del 2024 si terrà a Seul, in Corea del Sud. The Beautiful Game esce ufficialmente su Netflix il 29 marzo.

Consigliati