R6: Discriminazioni per i player Russi dei Virtus Pro

I Virtus Pro denunciano pubblicamente un enorme caso di discriminazione nei confronti dei suoi 5 player russi da parte di un TO

Attraverso un comunicato social, la celebre squadra dei Virtus Pro, conosciuta per il proprio impegno in molteplici esports di altissimo livello, denuncia una discriminazione nei confronti dei propri giocatori, ricevuta da parte di un Tournament Organizer. 

La vicenda 

La squadra Russa dei Virtus Pro con tre quinti di ex vice campioni del mondo del 2022, stava prendendo parte ad un evento molto chiacchierato in questi giorni su X, ovvero le Malta Cyber Series: VII, evento esports molto importante per l'isola a sud dell'Italia che non solo mette in palio un montepremi davvero molto ghiotto di 20 000 $ per i team che riusciranno a prendere parte alle fasi finali previste per Marzo 2024, ma in oltre ospiterà in lan le 6 migliori squadre dell'evento, pagandogli sia volo che Hotel. 

 

Durante il torneo però la squadra dei Virtus Pro, regolarmente iscritta all'evento si è vista squalificare, la causa? la si trova all'interno del rule book per questo evento, per ogni qualifier è stata stilata una lista di nazioni da cui dovevano arrivare almeno i tre quinti dei player ed i giocatori dei Virtus Pro, essendo tutti e 5 russi ed essendo la Russia non inserita nei territori Europei previsti dal regolamento sono stati squalificati.

 

Alla squalifica il team però si è visto ingiustamente escluso dalla competizione, per ragioni di discriminazione nei confronti del paese d'origine della squadra, al quale è seguito un comunicato ufficiale della squadra dei Virtus Pro, la quale ricordiamo essere una delle società esportive più grandi al mondo:

Aggiornamento per i fan di Rainbow Six Siege: Abbiamo ricevuto un invito da Ubisoft, per il nostro team di Rainbow Six Siege il quale ha accettato di partecipare alle qualificazioni per le Malta Cyber Series: VII, per aggiungere ancora più partite di preparazione in vista del Six Invitationals che ci vedrà imepgnati nel 2024. Nonostante il fatto che fossimo pronti ad andare e avendo anche già giocato e vinto il primo match, abbiamo ricevuto un messaggio inaspettato: la squalifica del nostro team oggi stesso. In accordo con quanto appreso dalla direzione, la decisione è stata presa a causa della provenienza dei nostri player. I nostri traguargi e l'esperienza di Virtus Pro in questa disciplina, così come l'aver guadagnato lo slot in European League, non ci permette di chiudere un'occhio su questa faccenda di discriminazione nei confronti dei nostri player, abbiamo immediatamente riportato la cosa ad Ubisoft. Vogliamo ringraziare i nostri Fans: per le attenzioni nei riguardi del nostro roster, saremo felici di tornare da voi appena avremo news su i prossimi match appena ci sarà una data.

Un biglietto da visita davvero terribile per l'evento delle Malta Cyber Series, gli organizzatori non hanno ancora rilasciato comunicati ufficiali, ma possiamo immaginare che la scelta sia stata presa sulla stessa lunghezza d'onda la quale portò Ubisoft ed altre case produttrici a bannare le società Russe, subito dopo lo scoppio della guerra in Ucraina, da i propri giochi, però la scelta in quel caso si riferiva solo ed esclusivamente alle org, non creando un precedente in cui si negava l'accesso a player provenienti da determinate nazioni.

Consigliati