R6: I W7M sono di nuovo campioni del Major

Nella notte di domenica 12 novembre i W7M si laureano per la seconda volta nella loro storia campioni del Rainbow Six Siege Major di Atlanta consacrandosi nella storia

Dopo solo 6 mesi i W7M vincono nuovamente il Major, dopo quello di Copenaghen arriva anche quello di Atlanta a riempire la bacheca dei trofei intercontinentali, questa vittoria però ha una valenza storica come vedremo più avanti

Il percorso e gli ostacoli di questo evento

Il team dei W7M arriva a questo Major come secondo seed Brasiliano, mostrando una versione di se in terra natia poco sorprendente e appariscente proprio contro il Team Liquid, squadra finalista dello scorso Major insieme ai W7M, arrivano le difficoltà più ardue del loro cammino verso questo torneo e la sconfitta in finale contro i FAZE sembrava chiudere il ciclo messo in atto da Felipox e compagni, aperto con la finale di Febbraio del Six Invitationals.

 

A differenza di Copenaghen ad Atlanta il team dei W7M si ritrova a partire dalla fase 2 del torneo, saltando tutta la fase dei play-in, dedicata ai terzi seed e ai vincitori dei LCQ di cui vi abbiamo parlato nell'articolo relativo all'evento intero. La seconda fase quella più intesa a modalità svizzera per i campioni del Major in carica inizia malissimo, partendo con una sconfitta anche piuttosto amara contro gli esordienti dei Geekay Esports ( primo seed della MENA league ) sembrava che il loro percorso non fosse sulla giusta strada e con diversi interrogativi.

 

Battendo team del calibro dei BDS, Space Station Gaming e Virtus Pro riescono a centrare una qualificazione al quarto turno che li porta ad essere un seed molto alto per la top 8 dell'evento, anche se la sensazione guardandoli giocare rimaneva quella di un team che non dava le certezze mostrate a maggio in Europa con diversi interrogativi addirittura su alcuni degli interpreti più importanti del team.

La top 8 da villain

Per gli ultimi 3 giorni come di consuetudine si torna dal vivo con il pubblico, l'evento viene disputato nella Gas South Arena ad Atlanta con l'arena riconvertita per ospitare uno dei più grandi palchi mai visti nella storia di Rainbow six siege e per un Major. 

 

Il cammino dei W7M in queste finali del Major partono contro l'unico team che li ha battuti nel percorso verso questi playoffs, i Geekay, ed è proprio contro il team di Nudl e compagni che la squadra dei W7M intraprende il percorso del Villain della situazione, perchè per il pubblico Americano il team Saudita aveva il loro pieno sostegno ed è ,forse, grazie anche al loro sostegno che la squadra riesce a strappare un'altra mappa ai W7M prima di arrendersi definitivamente in mappa 3, con tanto di esultanza polemica di JV92 a scatenare le ire della folla.

 

Contro i G2, squadra estremamente seguita oltre Oceano per i legami stretti su altri videogiochi, nei quali spesso la squadra è basata proprio negli States, la partita sembra una finale anticipata, dall'altro lato del tabellone se giocherà Faze - Los partita di poco conto che sembrerà far solo di contorno. La semi finale viene giocata su ritmi mai visti prima, il team dei G2 che arrivava con una striscia di imbattibilità 14 mappe era pronto a centrare una finale che mancava da Raleigh 2019, terminata con una sconfitta contro gli Empire di Joystick e co. La striscia di risultati positivi però si fermerà velocemente quanto la loro permanenza all'interno dell'evento perchè i W7M, cambiano roster ma non dimenticano il torto subito nella finale del Six Invitationals e dimostrano di aver giocato tutto il Major con i propri assi ben nascosti nella manica per momenti come questi 2-0 e Felipox che afferma in intervista che è stato semplice, terza finale consecutiva.

Una finale spettacolare ed una pagina di storia

Il 12 novembre si scrive la storia, un giocatore, almeno, entrerà nell'Olimpo di chi ha vinto 2 Major fino a quel momento solamente Kantoraketti aveva ottenuto quel riconoscimento con il Major di Parigi 2018 con i G2 e quello di Berlino nel 2022 con i Rogue, per il team dei W7M sarebbe il secondo Major consecutivo, mai successo nella storia di siege dall'istituzione dei Major nel 2018, mentre per i Los, team nato dalla fusione con One, sarebbe stato il primo titolo intercontinentale con il solo Cameram4n a poter vantare tale titolo nella sua bacheca. 

 

Le due squadre arrivate in finale portano con se diverse storie, quella dei W7M già la conoscete, per i LoS invece si tratta del secondo evento intercontinentale dopo il Six invitationals di quest'anno conclusosi in top 12 e con tantissime aspettative sulle spalle, non centreranno poi la qualifica al Major di Copenaghen e con la qualificazione alla finale di questo Major toglieranno ai BDS e agli MNM la possibilità di accedere al Six Invitationals 2024 con dunque solo 3 team Europei al prossimo mondiale.

La finale è uno spettacolo, la giornata si apre col solito Show Match che purtroppo va detto poco apprezzato dalle community esterne a quelle coinvolte, si passa alla presentazione della prossima stagione l'ultima per questo anno 8, Deep Freeze, per cui vi ramandiamo all'articolo testuale per conoscere nel dettaglio tutte le modifiche che arriveranno nel prossimo aggiornamento di Rainbow Six Siege con Tubarao e la nuova mappa "Covo".

 

Per quanto il tifo dell'arena più infuocata nella storia di un Major, cerchi di spingere il cuore oltre l'ostacolo il team dei W7M non vacilla e con un sonoro 3-1 si regala la vittoria storica del secondo Major back to back con l'apertura per la prima volta nella storia di siege ad un possibile grande slam con il Six Invitationals 2024 a chiudere un'anno competitivamente perfetto, Felipox ex giocatore dei MIBR decide di farsi il regalo più grande per il suo ventiduesimo compleanno alzando al cielo un trofeo importantissimo. La commozione è tanta per questa finale completamente verde oro, ma gli sconfitti tornano a casa con tanti spunti per il prossimo evento con la possibilità di sognare ricordando che Maia e compagni giocano insieme da meno di un'anno ed hanno centrato una finale che molti non sono riusciti a raggiungere in anni di competizioni e tentativi falliti.

 

Il prossimo evento sarà il Six Invitationals 2024 con la festa di Rainbow Six siege che si sposta per la prima volta, non a causa delle limitazioni covid, in un altra location poichè sarà a Sao Paolo con il pubblico di casa che ha già fatto registrare il sold out per l'evento più atteso.

Consigliati