Inizia la nuova stagione di Amazon University Esports

Nel corso dell'anno scolastico, giocatori di tutte le università d'Europa si affronteranno nelle qualifiche nazioni per qualificarsi alle finali dell'University Esports Masters

31/10/2023

Iniziata ufficialmente la stagione 2023/2024 dell'Amazon University Esports, la competizione esports per le università di tutta Europa, quest'anno con 4 eventi, League of Legends, Valorant, Clash Royale e Rocket League.

Amazon University Esports in Italia

L'iniziativa di Amazon è una delle realtà esports più di successo in Italia, un mercato famoso per essere molto difficile da penetrare per il mondo dei videogiochi competitivi, con più di 5000 partecipanti da 80 università in tutto il paese. 
L'Italia si è rivelata essere tra le nazioni in cui questa iniziativa ha avuto più successo, avvicinando gli studenti italiani alle discipline esports più popolari al mondo.
Basti pensare alla finale nazionale della scorsa stagione competitiva, svoltasi a Milano, in cui nel corso di due giorni sono stati coronati i vincitori di tutte le competizioni e non solo; ci sono stati diversi panel che hanno illustrato il progetto degli esport universitari, l'incontro con Carlo Barone, il brand manager di Riot Games, il dibattito sugli investimenti nel settore gaming e un Meet and Greet organizzato da SuperCell che ha permesso ai fan di incontrare personalità importanti del mondo di Clash Royale. Insomma, un evento a tutto tondo che ha permesso a tutte le persone coinvolte di conoscere al meglio il mondo degli esports universitari.

L'University Esports Masters

L'obbiettivo ultimo dell'Amazon University Esports è l'accesso al circuito mondiale, l'University Esports Masters, dove i migliori team universitari di tutto il mondo si scontrano per decidere il campione, con più di 1000 università partecipanti, localizzate in tutto il mondo, fra cui la Gran Bretagna, Germania, Turchia, Argentina, Messico, Emirati Arabi uniti e Arabia Saudita.

Anche l'University Esports Masters ha avuto un evento dal vivo di grande successo, alla Confetti x Esports Arena di Notthingham, nel Regno Unito, che è stato un grandissimo successo, anche se purtroppo non abbiamo potuto vedere nessuna squadra italiana raggiungere le finali dal vivo.

Perchè gli esports in università?

Verrebbe da chiedersi quali sono le finalità dei videogiochi competitivi in università, ma la risposta è molto più semplice di quello che si pensa, l'esport, proprio come gli sport tradizionali è uno strumento di crescita personale e interpersonale.
Un atleta esportivo si allena per molto tempo, deve saper gestire un clima di squadra, deve prendersi responsabilità ed è sottoposto alla pressione di una competizione, tutti fattori che si possono trovare anche negli sport tradizionali, che sono ampiamente praticati in università per le stesse ragioni, in quanto accrescono la capacità di lavorare con una squadra, una qualità che poi sarà utile nel mondo del lavoro e per tutta la vita.
Un altra ragione importante è che molte persone non sanno nemmeno dell'esistenza degli esports, persone che potrebbero diventare parte della community, magari player con talento, oppure content creator o addetti alla produzione, che hanno la passione per i videogiochi e per il competitivo, ma che non hanno mai avuto la strada per poter trasformare la loro passione in qualcosa di più grande, è anche così che Amazon University Esports aiuta non solo i giocatori, ma tutto l'ecosistema degli esports a crescere.
 

 

Consigliati